Segrate Oggi

Sintesi dell’articolo

La notizia è recente: come riportato da Segrate Oggi, lo scorso 16 febbraio, si è giunti ad un’intesa.

L’assemblea dei condomini ha votato si alla proposta da 600mila euro. Il tutto ora è vincolato all’approvazione del progetto. Il Consiglio comunale deciderà lunedì 20 febbraio. Qui sotto alcuni passaggi dell’articolo firmato da Jacopo Casoni. Buona lettura!

Un altro passo, non ancora decisivo, ma comunque un ulteriore segnale incoraggiante per il futuro di Boffalora. L’assemblea dei condomini ha detto si, con voto unanime, all’accordo proposto da Red e frutto della transazione con Vegagest, presente e passato del progetto che dovrebbe portare alla nascita del nuovo quartiere di Segrate.

La seduta per il voto definitivo è fissata per il 20 febbraio e il si pare blindato.

Una volta approvato il PII (piano integrato d’intervento) e rinnovato l’impianto del fondo Aster, partiranno i lavori di messa in sicurezza del secondo piano interrato, quello interessato dai continui allagamenti, con lo spostamento dei quadri elettrici e non solo; poi si inizierà a realizzare i nuovi box, che verranno consegnati in permuta, senza spese aggiuntive per i condomini.

I lavori veri e propri per la realizzazione del nuovo quartiere non partiranno subito – dice Angelo Turi – perché bisogna passare per la progettazione esecutiva, una fase che durerà circa sei mesi. E’ presumibile che si inizi verso settembre/ottobre“.

segrate-oggi-milano-4-you-16febbraio

Annunci